Chi sono

 

Qualcosa su di me:

Sono nato il 4 ottobre del 1995 a Roma, e da allora vivo nella zona di Piazza Bologna.
Ho fatto il mio percorso scolastico negli istituti pubblici del quartiere: la materna alla Falcone e Borsellino, le elementari alla Montessori di  Villa Paganini, le medie alla Settembrini.

Nel 2P5JWOpI014 mi sono diplomato al Liceo Classico Pilo Albertelli, di cui conservo un ricordo bellissimo. Proprio negli anni del liceo infatti ho iniziato ad interessarmi ed occuparmi di politica, soprattutto per quanto riguardava le questioni scolastiche.

Per due anni di seguito sono stato eletto rappresentante d’istituto, ruolo che mi ha dato la possibilità di organizzare e animare tutte le attività studentesche, politiche e non, della mia scuola.
Contemporaneamente, con le elezioni amministrative del 2013, ho iniziato anche a fare le prime esperienze nel territorio in cui vivo.

Nel novembre 2015 inizio a scrivere per Qualcosa Di Sinistra, un sito d’opinione.
A febbraio sono all’estero per studiare inglese, prima due mesi e mezzo a Londra, presso la WSE, e poi altrettanti  a Dublino, presso la ATC.
A settembre sono di nuovo a Roma e mi iscrivo alla facoltà di Lettere e Filosofia della Sapienza, dove da allora seguo il corso di laurea in lettere moderne.
Durante tutto l’anno scrivo “Oltre”, un saggio sul cosmopolitismo, e “L’uomo dei suoi discorsi”, una raccolta tematica. Entrambi costretti nel mio cassetto dal poco tempo, ma ancora per poco.

Vengo dal mondo del volontariato: il mio impegno civile è sempre stato per gli ultimi, per chi ha più bisogno in questa società.
La grande esperienza formativa della mia vita è stata ed è lo scoutismo. Sono scout da quando avevo meno di otto anni, e non smetterò mai di ringraziare per quello che ho imparato in questi anni.
Una lezione di vita che mi ha insegnato  l’amore e il rispetto per la natura e il desiderio di mettersi in gioco per “lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato” (Banden-Powell). E allo stesso tempo mi ha indicato la strada verso il mio impegno sociale e civile, con alcune delle esperienze più significative della mia vita, come il campo sulla mafia a San Giuseppe Iato e quello sull’accoglienza a Lampedusa.
Ora, come giovane capo scout, sto imparando ad essere testimone di tutto questo.

Fosse per me vivrei solo di libri, montagna e sport, in particolare vela e ciclismo, due mie grandi passioni. Ma anche una partita di calcetto con gli amici al campo del Sant’Agnese non l’ho mai rifiutata.

Nelle elezioni di giugno 2016 sono il più giovane degli eletti della sinistra a Roma e nel consiglio del II Municipio. Sono presidente della commissione Politiche Giovanili e vice capogruppo del PD in Municipio